Super-Inps, firmata l’ipotesi di contratto integrativo 2012 e l’accordo di programma 2013

Cisl-Fp: “Sostegno a buste paga e professionalità”


Firmata oggi l’ipotesi di contratto integrativo 2012 per i lavoratori degli enti confluiti nel cosiddetto super-Inps (Inps, Inpdap ed Enpals).

Per la Cisl Fp, che sulla contrattazione aziendale ha scommesso con decisione, si tratta di un risultato importante: “In regime di blocco della contrattazione nazionale, l’accordo sulla produttività consente ai lavoratori di aver garantite le busta paga e di veder premiata la professionalità”. Oltre al salario accessorio, nel contratto sono infatti previste nuove clausole di valorizzazione economica del personale, in particolare di quello i cui percorsi di crescita professionale sono ostacolati da vincoli normativi e di organico. L’ipotesi contrattuale prevede inoltre il riconoscimento di una indennità specifica per il personale di area C con il profilo “vigilanza”.

La federazione del pubblico impiego Cisl sottolinea poi un secondo risultato: “Contestualmente all’ipotesi di ccni 2012 è stato firmato un accordo di programma per il 2013. Si tratta di un documento che anticipa le linee guida del prossimo rinnovo, fissa i paletti per il futuro e impegna l’amministrazione a reperire le economie imposte al super-Inps dalla legge di stabilità tagliando gli sprechi e non le risorse per la produttività e per il rafforzamento dei servizi”.

Nel dettaglio, l’accordo di programma prevede che, a cominciare con il contratto integrativo 2013, si dia avvio ad un percorso partecipato di:
- armonizzazione contrattuale per tutti i lavoratori del nuovo Inps,
- destinazione delle risorse aggiuntive eventualmente recuperate attraverso i piani di razionalizzazione (art. 16 dl 98/2011),
- esame dell’impatto del nuovo modello organizzativo di sede integrata, attraverso l’avvio, a livello nazionale e locale, di appositi comitati paritetici,
- rilancio dei percorsi di carriera per il passaggio dall’area A all’area B e dall’area B all’area C,
- adozione di un bando di mobilità interregionale,
- predisposizione di un progetto di formazione per sostenere il riassetto organizzativo dell’Ente.

“L’accordo di programma è l’esempio di come il cambiamento si possa realizzare al meglio solo con il coinvolgimento dei lavoratori” conclude la Cisl Fp. “La contrattazione è lo strumento indispensabile per accompagnare il processo di integrazione degli enti previdenziali: perché tiene insieme le esigenze di sostenibilità dei bilanci, di qualità dei servizi al cittadino e di valorizzazione delle competenze del personale”.

In allegato il comunicato stampa e il volantino



Condividi