Legge stabilità, prosegue la protesta di Cgil, Cisl e Uil
Il 14 dicembre mobilitazione in tutte le regioni


Roma, 26 novembre 2013. "Il Governo presenti un emendamento per collegare automaticamente i risparmi derivanti dalla spending review alla riduzione delle tasse per i lavoratori e i pensionati", ha precisato il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni motivando la decisione assunta dagli Esecutivi unitari di Cgil, Cisl e Uil riuniti a Roma. Nel documento unitario approvato (in allegato insieme al volantino) si ribadisce la dura presa di posizione contro "la sottrazione ai lavoratori pubblici della contrattazione"
"I sindacati confederali si mobiliteranno ancora contro la legge di stabilità e non si tratterà solo di tre giorni di volantinaggio, ma significherà sfidare il governo". Ha spiegato così il Segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni la decisione assunta dagli Esecutivi unitari di Cgil, Cisl e Uil riunitisi a Roma - di proseguire la protesta contro le misure del governo, con un'azione di informazione alla cittadinanza e manifestazioni regionali il 14 dicembre. "L'obiettivo - ha detto Bonanni, - e' fare proposte e discutere, posto per posto, per influenzare il dibattito".
"Il sindacato intende quindi rilanciare le sue proposte di riduzione del carico fiscale e di taglio agli sprechi e contrastare misure che vanno a colpire lavoratori e pensionati. Sono rimasto sconcertato dell'indegno balletto fatto dai gruppi parlamentari sulla rivalutazione delle pensioni" ha detto il segretario generale della Cisl a proposito del ritiro dell'emendamento al ddl di stabilità che rivalutava completamente i trattamenti fino a 2.000 euro lordi e prevedeva un contributo di solidarietà oltre i 90.000 euro. ''E' poco responsabile partire annunciando interventi sulla rivalutazione e poi fare marcia indietro. Significa seminare sfiducia tra la gente. Il governo deve rispondere con chiarezza e il parlamento non può fare il gioco delle tre carte" ha aggiunto giudicando parte della classe politica "irresponsabile", parte dedita al "populismo", parte allo "spreco" e una "esigua parte che non ha il coraggio di fare i passi per imprimere un'andatura diversa all'economia".
Quanto alla disponibilità espressa dal premier Letta ad avviare un rapido confronto per inserire nella legge di stabilità il meccanismo chiesto dalle parti sociali di destinare automaticamente le risorse recuperate dal taglio alla spesa e dalla lotta all'evasione alla riduzione del cuneo fiscale: "Non dobbiamo sottovalutare- ha detto Bonanni - la presa di posizione del presidente del Consiglio, che non ha parlato di cose generiche ma ha dato risposta alle recenti richieste del sindacato. Da Letta ci aspettiamo indicazioni sulla sua proposta, bisogna collegare automaticamente alla riduzione delle tasse di lavoratori e pensionati quanto recuperato dalla spending review, dalla lotta all'evasione fiscale e noi diciamo anche dalle rendite finanziarie. Il governo si prenda la sua responsabilità di presentare un emendamento alla Camera in questo senso, l'impegno del sindacato e' di verificare quanto affermato dal premier, nelle prossime ore sul campo". ha concluso.

In allegato il Documento Esecutivi Unitari-Volantino Unitario





Condividi